I Dei Degli Olimpo – Dal lago di Bracciano a Ligabue con l’album Uno

uno-e-liga

Esordio discografico per la band romana che lo scorso fine settembre ha suonato di fronte a 80.000 persone sul prestigioso palco del Liga Rock Park assieme al rocker di Correggio. Dieci brani per un caleidoscopio di generi che spaziano dal blues al metal, dal pop alla bossanova mantenendo al tempo stesso un’identità definita

Genere: rock/blues/pop

Label: Autoproduzione

Streaming https://ideidegliolimpo.bandcamp.com/releases


Si intitola
Uno ed è il primo album della giovane rock band romana I Dei Degli Olimpo.

Il disco, frutto di una crescita artistica dipanatasi nel corso di ben sei anni di attività, racchiude la voglia di esprimersi liberamente senza fare riferimento ad alcuna etichetta di genere, puntando sulla creatività e sfruttando molte influenze. La principale caratteristica di Uno infatti è quella di racchiudere numerosissime sfumature di stile all’interno dei dieci brani, senza rinunciare ad un sound energico, definito e riconoscibile dal quale la band trae la propria individualità. Le influenze spaziano dal blues al metal, dal pop alla bossanova conferendo un effetto caleidoscopico in grado, al tempo stesso, di mantenere un’identità definita.

Dall’uscita di Uno I Dei Degli Olimpo partecipano al Liga Rock Park, un contest atto a scegliere gruppi per aprire i concerti di Luciano Ligabue a Monza il 24 e il 25 settembre del 2016.

Passano le audizioni e vengono scelti per la data del 25 nella quale si esibiscono davanti ad 80.000 persone su uno dei palchi più grandi d’Europa. Durante lo show ricevono un riscontro più che positivo dal pubblico, così vasto ed eterogeneo, che li spinge verso la decisione di esplorare tutti gli stage italiani per rimanere vicini ai propri fan e scoprine di nuovi.

Mille anni dall’ombra live @ Liga Rock Park https://www.youtube.com/watch?v=nBXKrd7yoc8

Riuscire a creare un prodotto come Uno è stato possibile grazie al duro lavoro al Kick Recording Studio, durato più di cinque mesi, e ai saggi consigli di Marco Mastrobuono e Matteo Gabbianelli (Kutso) che hanno saputo indirizzare la band verso le scelte migliori. Il processo creativo che la porta a scrivere i brani è ormai rodato e consiste nello sviluppare una melodia che sappia trasmettere sensazioni all’ascoltatore, arrangiandola con la massima creatività e poi trasferendo il prodotto al test più importante: quello del pubblico. Esso è infatti il giudice più prestigioso e non esiste riconoscimento migliore di un gruppo di persone che canti le tue canzoni con te e riesca a condividerne i sentimenti trainanti.
Essere creativi, in fondo, significa proprio questo.

uno-1

Tracklist

1. Taci, Miserabile!

2. Società

3. Ma Siamo In Italia

4. Sono un Pagliaccio

5. Mille Anni Dall’Ombra

6. Strada Per Il Paradiso

7. Falso Alternativo

8. E’ Una Fotografia

9. Verdiana

10. Hey Don’t Forget Me

Tour (in costante aggiornamento)

22/12/2016 @ Status Pub, Bracciano (RM)

14/01/2017 @ Outlaw Club, Bracciano (RM)

20/01/2017 @ Itineris pub, Civita Castellana (VT)

10/02/2017 @ Casa di Emme, Bassano Romano (RM)

12/02/2017 @ Locanda Blues, Roma

Biografia – I Dei Degli Olimpo sono una rock band laziale nata fra i banchi del liceo nel 2010 dall’amicizia di cinque ragazzi e dal loro amore per la musica. Formatosi per gioco, il gruppo deve il proprio curioso nome a una gaffe fatta durante le riprese di un video che diventò presto virale durante gli anni del liceo. Dalle prime esperienze live alle feste scolastiche, la band inizia a farsi spazio fra la realtà musicale del Lazio, proponendo brani inediti e finendo con il registrare un primo EP alla Cattedrale dei Suoni di Luca Bellanova, successivamente presentato con un mega concerto al CrossRoads, celebre live club appena fuori Roma. Al termine delle registrazioni la band compie anche la prima esperienza all’estero, suonando alla “Fête de la Musique” di Parigi.

Durante questo periodo hanno il piacere di aprire il concerto di Gianmarco Dottori, noto cantautore romano semifinalista del programma televisivo “The Voice”, e dei Kutso, grazie ai quali vengono a conoscenza dello studio di registrazione del frontman Matteo Gabbianelli. Decidono quindi di registrare il primo CD “Uno”, curato da Marco Mastrobuono e dallo stesso Gabbianelli. Le sessioni comprendono il periodo tra ottobre 2015 e febbraio 2016.

Della scorsa estate la partecipazione al contest Liga Rock Park, vincendo così l’apertura a Luciano Ligabue al Parco di Monza il 25 settembre 2016, davanti ad 80.000 persone. L’esperienza con il rocker di Correggio risulta per la band una tappa fondamentale per la presa di coscienza dei propri mezzi, un evento dal quale sono scaturite altre opportunità fantastiche, come essere invitati al Maker Faire di Roma.

Contatti

https://www.facebook.com/ideidegliolimpo

Press Media Office

www.facebook.com/BlobAgency

Riccardo Bonino & Low Side Band: finalmente il Folk Blues è anche italiano!

A cura di Claudio Papitto

 “che succede? Ti hanno ingannato ancora… Devi resistere!” 

Queste sono le schiette parole di “Tempi Duri”, una canzone di Riccardo Bonino e la sua Low Side Band, gruppo di folk rock blues tutto all’italiana e proprio perchè si tratta di blues italiano sono tutti da scoprire. Credo che oggi come oggi serva molto coraggio per intraprendere insieme a una band la strada del folk blues, dato che siamo circondati ormai da numerose popstar provenienti dai talent shows o da rappers e ballerini che stanno sempre attenti alla loro statuaria immagine da palco. 

Nella band di Riccardo invece non esiste immagine fittizia ma solo autentica musica creata con il cuore ed incanalata in uno dei migliori generi per esprimerla: il blues. La band è formata da Riccardo Bonino (voce, chitarra, armonica), Fabrizio Appetito (chitarra), Livio Fiorini (basso), Gianluca Frattari (voce, tastiere), Andrea Giacalone (batteria) , Vladimiro Forti (sax) e Francesca Di Silvio (backing vocalist). E’ una formazione numerosa e perfettamente adatta per fare di ogni show dal vivo un evento trascinante e completo, nello stile della “Street Band” americana o di una qualsiasi bluesband con i fiocchi.

Ma lo straordinario della Low Side Band non risiede negli eventi live da stadio bensì nel raccolto ambiente del teatro: infatti le loro serate di maggior successo sono quelle tra il gennaio e l’aprile del 2012 al Teatro Antigone di Roma, dove, con una band ancora non definitiva, riescono a riscuotere un grandissimo successo. E proprio sulla scia di questo exploit da teatro la band decide di non fare la solita scaletta di canzoni prevista per i classici concerti, ma di inventare una vera rappresentazione teatrale chiamata “Saguenay Black Flow”, con la regia di Federico Vigorito, messa in scena nel febbraio di quest’anno al Teatro della Visitazione di Roma.

Il “Saguenay Black Flow” è uno spettacolo oltre che musicale anche molto parlato (come si può vedere dai loro video live su youtube) e di fatto il coinvolgimento del pubblico è assoluto: le parole frammiste ai ruggiti blues di Riccardo Bonino danno la certezza di uno spettacolo unico a cui vale davvero la pena partecipare. Il loro successo è dovuto dal fatto che c’è stata un’unione di sette musicisti con esperienze artistiche diverse ma che hanno saputo fondere la loro cultura musicale individuale in un unico spirito di bluesband con la scelta coraggiosa di esibirsi in teatro e non in mezzo a platee confusionarie. Beh sì, certamente la loro musica è dedicata ad un’elite di ascoltatori maturi e non per ragazzini a caccia di miti pop.

http://www.riccardobonino.it/

https://www.facebook.com/RiccardoBoninoLowSideBand