[Recensione] Radiosi saluti da Fukushima (Autoproduzione 2014)

copertina

Radiosi saluti da Fukushima, album d’esordio della band perugina I Picari, è un album a mio avviso senza tante pretese che ti fa volare 33 minuti tutti di un fiato fra storie in cui ci si può rispecchiare senza prendersi troppo sul serio. Musicalmente siamo di fronte ad arrangiamenti classici folk dove la fisarmonica torna prepotentemente in una band che ha pochi simili nella scena indipendente italiana almeno a livello di suono (le tematiche invece dei testi sono molto in linea con la produzione letteraria dei tempi, almeno in quelli che si definiscono “impegnati”). L’operazione nel complesso forse non riesce al cento per cento a convincere scivolando a volte nel “già sentito”, però gli spunti buoni ci sono e non andrebbero affatto sottovalutati. Visto i presupposti quindi attendiamo il secondo disco con molta curiosità ed interesse.

Date: 2014
Studio: Cura Domestica – Pitch Audio Research Engineer
Riprese e Mixaggio: “Cura Domestica” (Francesco Federici e Daniele Rotella)
Mastering: “Pitch Audio Research” (Umberto Ugoberti)

Comment: Lorenzo Melloni – Voce, Alex Bicchielli – Fisarmonica, Simone Zordan – Basso, Michele Turco – Batteria e Percussioni, Francesco Fioriti – Sax, Umberto Ugoberti – Tromba, Mauro Businelli – Cello
Disc Title: Radiosi saluti da Fukushima
Client: I PICARI
Artist: I PICARI
Copyright / Producer: Lorenzo Melloni
Illustrazioni / Artwork: Luca Luciani

ASCOLTA IL DISCO
https://open.spotify.com/album/6FB3oWKVqrfpaeO2uvSyb0

Cristina Berardi

Numa: esce Un Tuffo All’Inferno, singolo d’esordio e videoclip

Numa

Il brano è il primo estratto dal nuovo, atteso album in studio del rocker fiorentino dal titolo “Il Periodo”, la cui uscita è prevista il prossimo 26 marzo. Un esplosivo mix di hard rock, metal e teatralità votato alla trasgressione, che verrà presentato ufficialmente live il 2 aprile @ Combo Social Club di Firenze.

Giovedì 26 marzo 2015 ore 17:45: intervista a Numa in diretta su Radio Siena nel programma “Ingresso Libero”

http://www.radiosiena.com/web/live.html

È disponibile su YouTube il videoclip Un Tuffo All’Inferno, brano scelto da Numa come singolo d’esordio dal suo nuovo, atteso lavoro discografico Il Periodo, in uscita il 26 marzo 2015, con distribuzione affidata ad Audioglobe. Il release party del disco è previsto il prossimo 2 aprile @ Combo Social Club di Firenze.

Evento Facebook https://www.facebook.com/events/1422053571421803/?pnref=story

Locandina Evento https://db.tt/c4XsEXGm

Una canzone che, come afferma lo stesso rocker fiorentino, “è stata scelta come singolo poiché, al di là di una più spiccata “radiofonicità” nell’inciso, affronta e generalizza, attraverso il testo, l’argomento principale dell’album ovvero la voglia di trasgredire il più possibile. Un Tuffo all’Inferno rappresenta per me un nuovo inizio, dopo aver fatto scelte importanti a livello privato e personale. Il fascino di bagnarsi, a volte un po’ di cattivo. L’intero disco, inoltre, racchiude in sé la voglia di esorcizzare il dolore provato ma anche l’eccitazione di una nuova vita da vivere”.

Numa– Un Tuffo all’Inferno

https://www.youtube.com/watch?v=lL9OSGLOf_8

Con questa nuova avventura, l’istrionico artista fiorentino cerca di portare sul palco uno show decisamente hard rock con sfumature metal, senza farsi mancare la vena teatrale che da sempre lo caratterizza (numerose le repliche di vari musical e spettacoli a cui ha preso e continua a prendere parte da quasi un decennio). Si riscontrano numerose influenze che vanno dagli Ac/Dc ai Queen passando, da buon rocker del capoluogo toscano, per i Litfiba.

Location: Un Tuffo all’Inferno è stato girato in due notti nell’agosto 2014 in località “La Torre”, sulle colline di Grassina, a 2 passi da Firenze. La località porta tale nome per via della presenza di una torre di avvistamento risalente alla Seconda Guerra Mondiale. Un luogo ritenuto dalla troupe particolarmente adatto e suggestivo per ricreare una “zona” e un’atmosfera infernali, soprattutto al calare della notte.

Credits: la regia è di Gabriele Arata; oltre Numa, al video hanno preso parte tutti i componenti della band: Andrea Anichini e Giulio Peretti alle chitarre, Daniele Mannori alla batteria e Marco Polidori al basso. Il trucco è a cura di Malin Qvarfordt, i costumi sono di Brunella Giandonati e Serena Ciulli.

Bio

Numa nasce a Firenze il 4 agosto 1982, i suoi primi concerti risalgono alla tenera età di 8 anni sul palcoscenico più importante per la sua crescita artistica: la sua camera da letto. La sua prima esperienza di cantante avviene nel 1999 in una tribute band dei Litfiba, i Morgana. Nel 2001 entra a far parte degli Sheakermakers, nome presto sostituito da Ex Novo, un’avventura durata 4 anni che lo ha visto protagonista di apparizioni nei locali e nelle manifestazioni più importanti della zona fiorentina. Diventa il cantante del gruppo rock Seven Swords, tribute band dei Toto ed in seguito, assieme ad altri 9 colleghi, dà vita ad un’associazione culturale e artistica, la Musaico Immaginario, il cui primo lavoro è “Draculea nel sangue e nell’amore”, vincitore al Musical Day del 2007 come miglior musical inedito. Nell’agosto del 2009 esce il suo primo album dal titolo “Nel Mio Sguardo”. Numa è anche docente di canto presso diverse scuole e centri musicali di Firenze e Siena. Nel 2012 viene nominato miglior cantante rock dell’importante evento mediatico Sanremo Music Awards. finalmente il 18 febbraio 2013 esce il suo ultimo lavoro discografico dal titolo “Pout/Pourrock!”. Il 26 marzo 2015 esce il suo 3° album da studio, “Il Periodo”.

Foto

Lancio del singolo: https://db.tt/Knrdq1bv

https://db.tt/HZEqLRR4

https://db.tt/fbNOrFYU

https://db.tt/LhhFXMoD

Contatti

https://www.facebook.com/pages/Numa/110187158942?fref=ts

https://twitter.com/PROGETTONUMA

https://www.youtube.com/user/rockernuma

Winona, ecco “Fulmine”. Ascoltalo in streaming!

winona

Influenze alternative/emo rock anni 90 nell’atteso album d’esordio della band carpigiana, uscito per Seahorse Recordings.

Genere: alternative/garage/emo rock

Etichetta: Seahorse Recordings

Distribuzione digitale: Orchard

Distribuzione fisica: Audioglobe

Streaming https://soundcloud.com/winonafulmine/sets/fulmine-1

Il concept di Fulmine nasce da un’idea semplice: un rilascio di energia istantaneo e improvviso, che colpisce una volta sola, per un tempo infinitesimale e per cause del tutto fortuite, eppure lasciando le cose irrimediabilmente trasformate per sempre. Questo è Fulmine, un cambiamento rapido e irreversibile, un caso che mai colpirà di nuovo nello stesso punto, l’unica possibilità di dire tutto quello e dirlo con forza. Un’immagine ed una necessità che metaforizzano sia un’esigenza esistenziale, sia il mondo della musica indipendente italiana, consumistico ed influenzato dalle logiche di conformazione che si prefiggeva di evitare, dove a pochi fortunati viene concesso lo spazio di un istante per esprimersi prima di lasciare il posto alla successiva ondata di musicisti, più affamati e determinati dei precedenti. I Winona traducono questo concetto in musica lanciandosi alla ricerca di un sound compatto, solido, roccioso, dove il canto corale prevale su quello solistico e le ritmiche aggressive sui solipsismi strumentali. Le influenze alt-rock e emo-rock anni 90 si fanno più avvolgenti, calde eppure potenti, ottenendo un suono che ricorda quello di band come Ministri e Fast Animals and Slow Kids, alla ricerca di una certa immediatezza d’ascolto, senza però scadere in estenuanti ripetizioni di riff e ritornelli.

Il lancio del disco è avvenuto il 14 marzo 2015 al Mattatoio Culture Club di Carpi (MO), culla della band oltre che storico locale di riferimento per la musica indipendente in Italia dagli anni 80 ad oggi. Parallelamente alla vendita diretta ai live, il disco è distribuito in catene media come Feltrinelli da Audioglobe, mentre la distribuzione digitale è a cura di Orchard, su piattaforme come Amazon e iTunes, oltre che in streaming su Spotify. Il disco è stato anticipato dal singolo Lazzaro, che sarà accompagnato dal relativo videoclip a cura del regista Lillo Venezia.

A proposito di questo primo estratto, il gruppo dichiara: “Lazzaro parla di disgregazione e ricomposizione, di restituire vita a quello che sembra morto. E lo fa attraverso un crescendo costante che culmina in chitarre rocciose ed energiche, cori potenti e tappeti di batteria. Una dichiarazione di vita cantata con tutto il fiato in gola”.

Tracklist

1.Bambini ex-prodigio

2.Cannibali

3.Lazzaro

4.Asse del mondo

5.Fulmine

6.Ode agli stupidi

7.Vuoti di memoria

8.Domani diluvia

9.Peggio di quel che temevo

10.Una nuova canzone

11.La chiave

Bio

I Winona, band di Carpi (MO) fondata nel 2009 tra il garage, l’alt e l’emo-rock italiano, sono Michele Morselli alla chitarra e alla voce, Marco Simonazzi al basso, Francesco Prandi alla batteria e ai cori, oltre che Alessandro Moratto, chitarrista e corista live che inizia a collaborare con la formazione solo a partire dal febbraio 2014. Dopo due anni di composizione ed attività concertistica tra Emilia, Lombardia e Piemonte, i Winona registrano aprile e settembre 2011 l’ep autoprodotto Letargo. Partecipano a trasmissioni radio e televisive, si aggiudicano l’ArtiVive Contest ed aprono per band come Tre Allegri Ragazzi Morti, Nu Bohémien, Kairo, Uragano, Sakee Sed, Action Men e Fast Animals & Slow Kids. Partecipano anche a Collisioni Festival 2013, evento di letteratura e musica organizzato dall’editore Einaudi. Il 3 gennaio 2014, iniziano i lavori del loro primo full-lenght Fulmine, registrato tra lo Zeta Factory e il LemonHead Studio di Carpi da Federico Truzzi (compositore per North Face, Giro d’Italia etc) e masterizzato al PriStudio di Roberto Priori (Bologna). Al disco hanno preso parte anche Alice Sacchi, cantante modenese insegnante di Musicoterapia e Diplomata in Canto al Conservatorio di Modena, e il contrabbassista Stefano Sbreveglieri, studente al Conservatorio di Amsterdam, oltre a cantanti di band locali, amici da anni, che hanno prestato la loro voce al grande coro in chiusura. Nell’ottobre 2014, firmano per l’etichetta Seahorse

Recordings.

Past Gigs

14/3/15 @ Mattatoio Culture Club – Carpi (MO)

7/11/14 @ La Tenda w/ Le Mura di Mos, Chicken Queens

11/10/14 @ Arci Kalinka w/ Kairo, Uragano, Cabrera – Carpi (MO)

22/6/14 @ Giornata di Sensibilizzazione contro le mafie, Forli

8/6/14 @ Cookies Bar – Carpi (MO)

1/3/14 @ Out Of Control Festival – Ekidna – Carpi (MO) w/ Action men e molti altri

27/2/14 @ Victoria Loves Sound, Modena

18/1/14 @ Circolo Arci Cashbah – Pegognaga (MN) w/ Velut Lunae

17/1/14 @ Arci Kalinka – Carpi (MO) w/ Le Mura di Mos

25/12/2013 @ Circolo Arci Vibra – Modena w/Fakir Thongs

30/11/2013 @ La Tenda – Modena w/ Cabrera, Undercover Brothers

27/10/2013 @ Circolo Arci Mattatoio – Festa di “Libera” contro le mafie – Carpi (MO) w/ Le Mura di Mos, Biomassa, Vanamusae, Captain Coyote e molti altri

7/8/2013 – @ Festa del PD di Bosco Albergati (MO)

8/7/2013 – @ festa del PD di Carpi, opening act per Tre Allegri Ragazzi Morti

5-6/7/2013 – @ Collisioni Festival w/ T.a.r.m., Marta sui Tubi, Elio e Le Storie Tese e tanti altri

Foto

https://db.tt/ndEwEJNb

https://db.tt/11jMAC4Z

https://db.tt/7gJvt8cm

Cover https://db.tt/Kmhz6Wqx

Contatti

https://www.facebook.com/winonacarpi

http://www.reverbnation.com/winona

Press Media Office

www.blobagency.com

www.facebook.com/blobagency

Frank Lavorino 339 6038451

Andrea Casale: live report @ Circolo Giovane Italia (Parma) 8 marzo 2015

2015-03-09 10.11.57

Grande serata di musica dal vivo al Circolo Giovane Italia di Parma (dove cantautori come Dente hanno mosso i loro primi passi) con Andrea Casale, musicista e cantautore tarantino da anni residente a Parma e la band locale dei Signal To Noise. Casale e StN hanno iniziato un sodalizio musicale nato dalla passione comune per artisti quali Peter Gabriel, Kate Bush e Tori Amos che li porterà nei prossimi ad esibirsi dal vivo insieme e ad iniziare progetti paralleli.

La prima parte dello spettacolo è ad opera di Andrea Casale che ha suonato alcune canzoni del suo album “Tourist in my Hometown” per la prima volta dal vivo dall’uscita del disco in versioni minimali per solo sintetizzatori e voce. Prima canzone eseguita “Kigali”, canzone scritta in memoria della guerra civile in Ruanda e Burundi nel 1994 e che, introduce Casale, “si spera possa rappresentare un posto in cui vivere in pace quello che siamo”. Dopo è la volta di “The Tide and the Moon” per poi giungere a “Jerusalem”, che chiude la prima di questo concerto allo stesso modo in cui chiude il disco del cantautore tarantino. Un’apertura degna di nota, in cui Casale ha dimostrato di poter portare dal vivo in versione minimali i suoi brani che, al contrario, nella versione studio presentano arrangiamenti ricchi e corposi.

2015-03-08 23.19.45

I Signal To Noise hanno aperto la seconda parte dello spettacolo con una prima energica canzone, “Pixel Beauty”, una combinazione tra rock, synth e anni ’80. La grinta del loro set è comunque riuscita a dare spazio anche a brani più morbidi e delicati, come “Parallel Dreams”, o anche a brani più sperimentali, come “Mist Of The Minds”, che rimane un interessante tentativo da parte della formazione di evitare di essere definiti in un solo genere. La band ha anche dato spazio a delle cover, pur essendo nata come band di pezzi inediti nel 2013, tra cui “Automatic Systematic Habit” dei Garbage e “Red Rain” di Peter Gabriel, durante la quale è stato richiamato sul palco Andrea Casale, che ha duettato con la frontwoman Alessandra. Per quanto riguarda i pezzi inediti, da segnalare anche una giocosa “Mama’s Child”, apprezzata anche dal pubblico presente alla Giovane Italia, e “Song Of A Black Dog”, una canzone in cui la band si destreggia bene tra cambi di ritmo e di atmosfere.

Voci per la Libertà, una canzone per Amnesty

Voci per la libertà

Sei un musicista? E sei pronto a diffondere le tue canzoni!? Noi stiamo allestendo un’edizione davvero esplosiva, con un concorso musicale che può essere un’ottima vetrina per i tuoi pezzi: Il Premio Web (per gli iscritti entro il 7 marzo 2015) ti permette di essere conosciuto, ascoltato e votato dagli internauti (al vincitore un pacchetto promozionale offerto dal Meeting delle Etichette Indipendenti) e la fase live del Premio Amnesty International Italia Emergenti con semifinali e finali (17-19 luglio 2015 a Rosolina Mare) sullo splendido palco di Voci per la Libertà – Una Canzone per Amnesty, condiviso con big della scena italiana.

Vuoi essere anche tu dei nostri? Basta avere una canzone a sostegno dei diritti umani (hai mai letto la Dichiarazione universale sui diritti umani? Sa essere una potente fonte di ispirazione; cercala su www.amnesty.it) e iscriversi entro il 18 aprile 2015 (entro il 7 marzo 2015 se si vuole concorrere anche al Premio Web), seguendo quanto dice il bando che trovi su www.vociperlaliberta.it.

Grazie alla collaborazione con DeltArte anche quest’anno avremo il contest nell’ambito della videoarte: 3 minuti per 30 articoli, concorso che assegna un riconoscimento a chi esalta al meglio uno o più articoli contenuti nella Dichiarazione universale dei diritti umani attraverso un cortometraggio. Per partecipare, basta presentare entro sabato 18 aprile 2015, un video della durata massima di 3 minuti. Tutti i dettagli su www.vociperlaliberta.it e www.deltarte.com.

Ti aspettiamo! Il nostro scopo è quello che desideri anche tu: fare sì che la tua canzone a sostegno di Amnesty International sia sentita da tutto il mondo! Dalla terra più giovane d’Italia si alza il canto dei diritti umani, anche quest’anno a Rosolina Mare.

Quest’anno poi per noi è fondamentale: è quello in cui Voci per la Libertà – Una Canzone per Amnesty compie 18 anni e Amnesty International Italia arriva ai 40! Un doppio compleanno che ci spinge ad arricchire l’offerta culturale e a moltiplicare le iniziative in favore dei diritti umani con sorprese che sveleremo man mano durante i prossimi mesi!

www.blobagency.com

www.facebook.com/blobagency

Karma Krew dal 16 Febbraio nei principali digital stores ed in rotazione radiofonica il nuovo singolo “MACCHIA NERA”, dal nuovo attesissimo album “UOMINI COME NOI” in uscita a Marzo 2015

COPERTINA MACCHIA NERA

Ad un mese dalla pubblicazione del nuovo attesissimo album “UOMINI COME NOI”, in uscita a marzo 2015 su etichetta e distribuzione Event8 SAGL e dopo il grande successo di “BASTARDO” featuring Guè Pequeno, entrato direttamente al 4o posto della classifica iTunes Svizzera (50’000 visualizzazioni del videoclip nella prima settimana), la KARMA KREW presenta il nuovo singolo “MACCHIA NERA”, dal 9 febbraio su iTunes, Spotify, sul sito www.karmakrew.ch ed in rotazione radiofonica, su etichetta Event8 SAGL.

Il brano “MACCHIA NERA”, che la KARMA KREW ha presentato ufficialmente in anteprima venerdì 30 gennaio al Seven di Lugano in occasione Miss Earth, è stato scritto e prodotto a quattro mani da DJ SID (Claudio Passera) e da Manny, mc del collettivo luganese, e rifinito dalle voci di Los e Manu D.

In “MACCHIA NERA”, la KARMA KREW affronta il delicato tema del cancro. “È una storia famigliare di malattia e di separazione” – racconta Manny – “Due temi certamente forti, di grande impatto. Non volevamo però scrivere un brano dal sapore tragico, anzi. Desideravamo creare un pezzo energico, caratterizzato da uno spirito positivo, da un’atmosfera di gioia, di speranza. Ne è scaturita una sorta di “festa malinconica”, evidenziata dal contrasto fra musica e testo.”

BIOGRAFIA KARMA KREW

Formatosi a Lugano nel 2005, il collettivo si presenta al pubblico con una demo sperimentale autoprodotta chiamata “Il Sedicesimo Round” (2006). A quei primi piccoli passi seguono passi sempre più grandi ed importanti. Primo fra tutti, il disco d’esordio ufficiale “Esame Lirico” che nel 2008 viene distribuito in tutta Italia grazie all’etichetta indipendente La Suite/Atipici. Sulla scena ticinese, il trio torna a farsi notare nel 2009, quando raggiunge il quarto posto assoluto nella competizione Palco Ai Giovani; all’epoca un vero exploit per una formazione rap. Da quel momento, il nome Karma Krew verrà sempre più riconosciuto ed apprezzato dai media locali. Una prima ulteriore conferma arriva nel 2010, quando il singolo a scopo benefico “Prova A Immaginare” (feat. Martina) diventa un vero e proprio tormentone nella Svizzera italiana tutta, scalando le classifiche delle radio locali e facendosi notare anche in Italia. Nei tre anni successivi, Los, Manu D e Manny si dedicano a progetti personali, senza smettere però di pubblicare anche singoli firmati Karma Krew. Tra questi spicca “Cambieremo Il Mondo”, brano del 2012 che in collaborazione con il Cantone, l’associazione Dona Un Sorriso e Banca Stato permette al collettivo di esibirsi dal vivo in gran parte delle scuole del Canton Ticino, complessivamente di fronte ad oltre 12’000 studenti. Dopo le scuole è il turno delle piste da hockey: Karma Krew e Hockey Club Lugano uniscono infatti le forze per creare “Uniti Fieri Bianconeri”, un singolo destinato a caricare giocatori e tifosi per le stagioni 2013-14 e 2014-15. Il video, nel quale appaiono anche diversi giocatori bianconeri, viene diffuso in pista durante tutte le partite casalinghe dell’HCL.

Questa lunga avventura porterà inoltre i tre su palchi sempre più importanti: oltre ad esibirsi in pista durante i playoffs di hockey, la Karma Krew è l’ospite principale al Capodanno di Rete 3 in Piazza Riforma a Lugano, davanti oltre 10’000 persone. Negli ultimi anni anche Progetto Amore (concerto open air benefico) diventerà una tappa fissa del collettivo luganese. A questi appuntamenti si aggiungono regolarmente molte altre date in Svizzera e all’estero, con circa 60 concerti tra il 2012 ed il 2013.

Il 2014 è l’anno della lavorazione al nuovo album “Uomini come noi”e il team si prende una pausa dai palchi.

I numeri del gruppo sono decisamente rilevanti per la realtà ticinese: oltre 4’000 subscribers sul canale YouTube ufficiale, quasi 1’000’000 di visualizzazioni complessive, circa 4’500 like su Facebook e un totale di quasi 7’000 copie vendute con 4 dischi ufficiali e due singoli ufficiali.

La Karma Krew è composta da:

Manny –  mc

Los – mc

Manu D – mc e produttore

 

 

FOLLOW US:

www.facebook.com/karmakrew

www.twitter.com/karma krew

www.youtube.com/karmakrew2009

www.karmakrew.ch

The Row, album d’esordio dei Siren

siren ph 2

La formazione rock pesarese si presenta con 11 brani caratterizzati da un equilibrato mix di compattezza sonora e melodia.

Genere: rock;

Label: Red Cat Records;

Distribuzione: The Orchard / Audioglobe

Streaming: http://open.spotify.com/album/7vBDy2dbp11bErWGfNCWJF

iTunes: https://itunes.apple.com/it/album/therow/id926291276

The Row” è il primo album in studio della rock band italiana Siren, pubblicato dalla Red Cat Records, registrato allo Studio Waves di Paolo Rossi (Pesaro) e prodotto, scritto, arrangiato e composto dal gruppo stesso.

““The Row” letteralmente significa la fila, termine che molto bene rappresenta la società moderna dove tutti siamo in fila lungo la corrente comune ad aspettare il nostro turno, che a volte non arriva mai e ci ritroviamo ad aver sprecato la nostra vita in coda….dichiara il quartetto rock pesarese, che poi aggiunge: “l’album vuole essere una piccola provocazione e un timido incitamento ad abbandonare ogni tanto la fila, a sbandare, a essere uomini, quindi sbagliati per definizione.”

I temi musicali all’interno dell’album sono piuttosto eterogenei seppur caratterizzati da un sound energico e per lo più orecchiabile dove trovano spazio vari altri strumenti quali: synth; tastiere; archi (violini, violoncelli); trombe e fisarmoniche il cui ruolo non è assolutamente marginale, ma di supporto o addirittura caratterizzante alcuni brani.

I testi, interamente composti, come le parti musicali, da tutta la band, sono per la maggior parte incentrati sul paradosso, la bilateralità, l’ironia e la brutalità degli eventi universali, accompagnati da una sorta di serena rassegnazione ad essi da un lato e una timida esortazione a reagire, evitando la presunzione di essere maestri di vita, dall’altro, dove spesso la società e il singolo individuo sono, con tutte le loro contraddizioni, protagonisti. Non mancano le introspezioni dove è piuttosto semplice e immediato, per i più, identificarsi. E’, inoltre, spesso lasciata all’ascoltatore la totale libertà di interpretazione o immaginazione del messaggio, rendendo così chiave di lettura del tema lo stato d’animo di chi ascolta.

A proposito del singolo, “Dr. Saint”, di cui è disponibile il videoclip ufficiale su YouTube, che vanta oltre 180.000 views ad un mese e poco più dalla sua pubblicazione: “Dr. Saint è una sorta di personificazione del sistema che osserva e governa la società, con i disastrosi risultati a cui ogni giorno assistiamo e partecipiamo; il tutto è presentato in chiave ironica e non catastrofista, rendendo Dr. Saint un goffo e buffo personaggio, e gli eventi disastrosi che lo accompagnano un frutto della sua incompetenza e del suo comportamento maldestro e non di mera malvagità, che comunque in parte, come per molti esseri umani, ne caratterizza l’essenza.”

Siren – “Dr. Saint” https://www.youtube.com/watch?v=L_STDjyM87s

Tracklist

01 Swan’s Tale
02 Dr. Saint
03 Mission
04 Lonely Dance
05 Track ’92
06 Love Is Gone
07 Wave
08 Roger Sabbath
09 Carpet
10 Spit
11 Falling Down

I Siren sono:

Samuel Frondero: Lead Vocals, Guitar
Jack Nardini: Lead Guitar, Vocals
Marcus Kawaka: Bass, Vocals, Synth
Mark “Spud” Mckenzie: Drums

Bio

I Siren sono una rock band italiana (PESARO), formata nel Gennaio 2013 da un idea di Jack Nardini (chitarra solista, cori). La band é composta da Marcus Kawaka (basso, seconda voce, synth), Mark “Spud” McKenzie (batteria, percussioni), con i quali ha frequentato le scuole superiori e Samuel Frondero (cantante, chitarra) amico d’ infanzia, insieme, in occasioni e tempi diversi, avevano già collaborato a vari progetti musicali. Dopo circa un anno di lavoro, nel Marzo 2014, termina la registrazione del loro primo album “The Row”(registrato nello studio Waves di Paolo Rossi a Pesaro) un album di 11 brani interamente pensato, scritto, arrangiato e composto dalla band. Nell’ Agosto 2014 i Siren firmano il loro primo contratto discografico con la Red Cat Records. Il 27 Ottobre 2014 esce il loro primo album distribuito da “Audioglobe” e “The Orchard”. Hanno partecipato alla registrazione del disco in studio musicisti professionisti: Federico Pulisca- Trombe Jacopo Mariotti – Violoncello Susy Riminucci – Violino Luca Petroni dei Nudi Sotto la Pioggia- Fisarmonica Zeinab Mbarek degli Atlas- Voce intro Donatello Angelini dei M.I.C. è Dr Saint nel video. I Siren sono attualmente impegnati in vari live e nell’organizzazione di una tournée europea.

Next Gigs

12-03-2015 Legend (MI) per Emergenza Festival

13-03-2015 El Barrio (TO) per Emergenza Festival

20-03-2015 Rockerilla (ME)

21-03-2015 MusicLab, Valguarnera (EN)

22-03-2015 Pecora Nera (RG)

26-03-2015 Magazzini Sonori (CT)

27-03-2015 Borderline (PA)

29-03-2015 Fabbrica 102 (PA)

Rassegna Stampa

Un disco pieno di idee che sanno di fresco, con una vena pop ben bilanciata che contribuisce a dare slancio ai riffs catchy che caratterizzano alcune delle tracce dell’album….STEREO INVADERS

il platter si evolve lungo i canoni del rock alternativo, non disdegnando un approccio commerciale al genere, reso ricco di energia e di uno stile sempre catchy e orecchiabile… ROCKMETAL ESSENCE

Sono questi alcuni degli undici momenti totali che pompano adrenalina e sana allegria. Rock, ovviamente…METALHEAD

Il disco d’esordio dei Siren (“The Row”, distribuito da Audioglobe e The Orchard) è un colpo al cuore ben assestato… C’è VITA SU MARTE

un giusto mix di melodia, energia, trasporto e originalità… ITALIA DI METALLO

I Siren sono la promessa del futuro del rock italiano, quello tosto … ALONE MUSIC

La Fantasia abbellisce gli oggetti rendendoli gradevoli e spesso artistici… MUSIC ON TNT

un risultato di ammirabile compattezza ed originalità, dotato di un suono di alta qualità… ROCKSHOCK

Un equilibrio tra dinamiche opposte che riesce veramente a pochi… METALLIZED

La qualità più importante in possesso dei Nostri è proprio la capacità di comporre brani… ARISTOCRAZIA

Foto

https://db.tt/KTcbxVGF

https://db.tt/tzrsCQuz

https://db.tt/mSCiPueR

https://db.tt/4aLUq1OF

Contatti

https://www.facebook.com/pages/SIREN/725372717482826

www.youtube.com/channel/UCweAMWdJgRS1X5QaQvspfNg

www.siren.rocks

Press Media Office

www.blobagency.com

www.facebook.com/blobagency

Frank Lavorino 339 6038451

“In Viaggio con Alice”, il primo disco dei P.C.P (Piano Che Piove)

P.C.P. piano che piove

Canzoni di tracce, figure, codici, luoghi. Canzoni di permanenze e di integrazioni. Canzoni leggere, d’istinto e di pensiero. Canzoni per celebrare il qui e ora, l’esistenza e la socialità. Canzoni di soprattutto e di sottofondo.

Genere: canzone d’autore/jazz; Label: autoproduzione

Streaming: https://play.spotify.com/album/0N5pdACyoXh3luRfY9dJ7Y?play=true&utm_source=open.spotify.com&utm_medium=open&play=true

iTunes: https://itunes.apple.com/it/album/in-viaggio-con-alice/id935785385

É uscito In Viaggio con Alice, il primo disco dei P.C.P (Piano Che Piove), un album composto da 9 brani in stile canzone d’autore con alcune influenze jazz. Si tratta di un disco acustico, registrato “quasi live”, senza l’ausilio di suoni campionati. La scelta di una produzione di questo tipo rispecchia sia il desiderio di lasciare ai testi e alle sonorità essenziali il compito di trasmettere emozioni, sia quello di evitare di creare atmosfere difficilmente riproducibili dal vivo.

Nelle canzoni c’è molta attenzione ai testi, che, pur trattando diversi argomenti, sono generalmente orientati a cogliere sensazioni, a restituire l’idea di un’emozione, a volte di un’immagine fotografica. Nel lavoro ci sono influenze che rispecchiano la diversa provenienza artistica dei componenti della band ma una linea comune è sicuramente rintracciabile a livello compositivo e fa riferimento ad alcuni tratti tipici di quella canzone d’autore, italiana e americana, che non aspira ai grandi temi del mondo ma fotografa i frammenti della quotidianità urbana sul cui sfondo si snodano le nostre vite. Una della canzoni, ovvero Come Si Fa, ha già avuto una sua storia: è stata infatti incisa dall’artista milanese Amélie in un album che porta il suo nome.

A proposito del singolo scelto invece, Le Ore Contate, il gruppo lo descrive così: “Dietro ogni incontro, anche il più veloce e apparentemente senza significato e senza futuro, c’è il bisogno di confrontarsi, di raccontarsi, di avere un contatto, di sognare qualcosa che ancora non c’è.”

Le Ore Contate: https://soundcloud.com/piano-chepiove/05-le-ore-contate

P.C.P. è un progetto di musica indipendente, fatto da musicisti che, più o meno, per cultura o per casino hanno passato una fetta consistente della propria vita suonando per le orecchie degli altri.

Abbiamo fatto le scuole di musica, abbiamo suonato in posti possibili e impossibili, in Italia e fuori, pagati e non pagati. Abbiamo fatto il rock, il country, qualche spolverata di jazz, fra assessori in abito scuro e osti con le patacche. Oggi abbiamo un progetto nostro, un’identità acustica, coltiviamo il gusto della sintesi e delle armonie leggere. Il nostro obiettivo è portare le canzoni ovunque, i nostri destinatari sono tutti quelli che, almeno una volta, si sono emozionati per una musica, un testo, una memoria associata a questo o a quello.

Il disco è in vendita sulle comuni piattaforme di distribuzione digitale e sarà disponibile in occasione dei concerti.

Tracklist

Metà marzo

Il cartografo

In viaggio con Alice

Come si fa

Le ore contate

Autunno

Oceano in bianco e nero

Milano Roma

I treni in settembre

Bio

Piano Che Piove è uno scherzo, un gioco di parole, un invito alla calma, ed è una band composta da Sabrina Botti alla voce, Mauro Lauro e Ruggero Marazzi alle chitarre acustiche e classiche, Massimiliano Ghirardelli al contrabbasso. Il disco è stato registrato con la partecipazione di Giuseppe Mele alla batteria. L’idea che dà origine alla band è quella del laboratorio creativo, uno spazio dove formazioni e sensibilità diverse si armonizzano su idee di canzoni. Testi e musiche sono di Ruggero Marazzi, le sfumature bossa e buona parte delle costruzioni armoniche sono di Mauro Lauro, idee di arrangiamento e strutture ritmiche sono di Massimiliano Ghirardelli, tutte le scelte interpretative sono di Sabrina Botti. Sia la band in questa formazione che i singoli componenti all’interno di altri contesti hanno una lunga esperienza live, consumata prevalentemente nel circuito milanese delle cover band (a parte Mauro Lauro, che per qualche anno si è divertito a suonare latin jazz ad Amsterdam).

Foto

https://db.tt/K9kX8Si5

https://db.tt/fWbZF8ND

https://db.tt/rTX9wuZy

https://db.tt/FBDme8XD

Contatti

www.facebook.com/pianochepiove

pcppianochepiove.bandcamp.com

https://soundcloud.com/piano-chepiove

http://www.pianochepiove.it

Press Media Office

http://www.blobagency.com

http://www.facebook.com/blobagency

Frank Lavorino 339 6038451

iLLacrimo Esce in tutti gli stores digitali il primo, omonimo EP della hard rock band italo-ungherese.

Illacrimoband-phbyLucaAndrini

Genere: hard rock / alternative rock / alternative metal

Label: Resisto Digital Distribution: TuneCore

Soundcloud Officialhttps://soundcloud.com/illacrimo-1/sets/illacrimo-ep

YouTube Channel: http://www.youtube.com/user/IllacrimoOfficial

iTunes: https://itunes.apple.com/it/album/1000-reasons-to/id957940783?i=957940790&ign-mpt=uo%3D4

Anticipato il 23 ottobre dal singolo/video “Chains In The Cold, registrato in Italia e mixato a Londra presso ilFastermaster studio sotto la direzione artistica di Matteo Cifelli (Betty Poison, il Divo, Helene FisherMike & The Mechanics), è adesso disponibile in tutti gli store digitali, su etichetta Resisto, l’atteso, omonimo EP degli iLLacrimo.

Questo primo lavoro è un piccolo specchio che, attraverso i 5 brani che lo compongono, intende riflettere una parte della realtà della band che, fin dagli inizi, fa trapelare le proprie influenze (Lacuna CoilEvanescence in primis) senza per questo copiarne gli stili, seguendo una propria ed interessante matrice creativa. Una contrapposizione, un duello che si intravedono già nella cover realizzata per l’occasione: due lingue, due culture musicali, ballate e pezzi stoner, questi sono gli iLLacrimo. Quello che emerge fin da subito è il timbro vocale di Federica Sara, figura carismatica della band, insieme alle chitarre di Davide–Kristof Acs (compositore dei brani), a cui si uniscono Raffaele Lamorte (Keyboards), Giovanni Lima (Keyboards e synths), Dario Vanoli (Bass) e Alessandro Napolitano (Drums).

Chains In The Cold

https://www.youtube.com/watch?v=jfviLtkTvPw

Gli iLLacrimo saliranno sul palco del Decibel di Magenta (MI) il 30 gennaio per dare fuoco alle polveri e presentare ai fans la loro prima fatica in studio; la band bisserà poi il 20 febbraio Officine Sonore di Vercelli. I live saranno inoltre arricchiti da un mix di cover da loro reinterpretate che toccano diverse realtà ed epoche musicali.

Evento Facebook @ Decibel di Magenta (MI) 30 gennaio 2015

https://www.facebook.com/events/1547253185553996/?ref_newsfeed_story_type=regular

Locandina evento: https://db.tt/7XLdcieq

Tracklist

Burning Fields

1000 Reasons to?

Chains in the Cold

No Longer

Non Credi

Rassegna Stampa

Gli iLLacrimo riescono a non perdere completamente di personalità, capitanati da una voce sicuramente di livello superiore e sostenuti da composizioni sempre assai gradevoli, dalle quali emerge una sensibilità chitarristica non banale” Metal Hammer

Oggi vi parliamo di un gruppo emergente, che per orientamento musicale e scelte stilistiche porta con sé tutte le premesse di poter diventare una risorsa molto innovativa nel panorama emergente.” All Music Italia

iLLacrimo è romantica sensualità, crepuscolare poeticità, raffinato decadentismo…un debutto all’insegna del carisma…da ascoltare” RockHard Italia

Foto

https://db.tt/3kHknCMD

https://db.tt/4rbpNgQk

https://db.tt/5QCuSN4F

https://db.tt/aVh8tihG

Contatti

https://www.facebook.com/illacrimo

twitter.com/iLLacrimoBand

Press & Media Office

www.blobagency.com

www.facebook.com/BlobAgency

Frank Lavorino 339 6038451

antipop.project@gmail.com

Skype: sgrooveman

Ecco il video del terzo singolo degli Acid Muffin, “Bones”

Acid Muffin

Il nuovo e terzo singolo della hard rock/grunge band romana è tratto dall’EP d’esordio “Nameless”, registrato dal noto producer Steve Lyon (Cure, Depeche Mode, Subsonica, Suzanne Vega).

Puro e semplice Rock. “Bones” è una canzone che una volta ascoltata ti penetra nel profondo e ti fa venire voglia di cantarla. Il testo descrive quel brivido che ti congela quando finisce una relazione importante, quando anche il sesso svanisce e lascia il posto ai ricordi.

Il video ci porta direttamente in casa Acid Muffin, dove troviamo un’atmosfera tranquilla e rilassata. L’intenzione della band è quella di stabilire un contatto diretto con lo spettatore, lasciandolo entrare in un contesto estremamente intimo, rendendolo partecipe in modo da farlo riflettere e divertire allo stesso tempo.

L’uscita del nuovo album degli Acid Muffin è prevista entro la primavera del 2015; secondo alcune indiscrezioni la band sta puntando a raggiungere un sound in stile Foo Fighters, arricchito da variopinte sfumature psichedeliche. Stay tuned & let’s rock!

Acid Muffin – “Bones” https://www.youtube.com/watch?v=SXRZMjycB60

Bio

Gli Acid Muffin sono un gruppo romano nato nell’ottobre del 2010 dall’idea di Marco Pasqualucci e Andrea Latini, rispettivamente ex batterista ed ex cantante/chitarrista dei Recidiva, ai quali si aggiunge nel maggio 2012 il bassista Matteo Bassi. Il loro è un rock sperimentale e melodico, che prende in parte ispirazione dal sound alternative/grunge anni ’90. Gli Acid Muffin, dopo un primo demo registrato nel 2012, nel maggio dell’anno successivo entrano in studio per dare vita alla loro prima fatica ufficiale “Nameless“; un ep di cinque tracce dalle caratteristiche ibride, che da un lato si rifanno alla pura tradizione grunge (Alice In Chains, Pearl Jam e Nirvana), dall’altro, per effetto di personali scelte stilistiche, lo ascrivono maggiormente al “post”.

Contatti

iTunes: itunes.apple.com/it/album/nameless-ep/id740546083

Facebook: http://www.facebook.com/acidmuffinband

Soundcloud: http://www.soundcloud.com/acidmuffinband

Press & Media Office

www.blobagency.com

https://www.facebook.com/BlobAgency

Frank Lavorino 339 6038451

antipop.project@gmail.com